Isole Baleari Spagna: i Caraibi del Mediterraneo

Non serve andare troppo lontano se cerchiamo spiagge caraibiche e mare da sogno: basta scegliere tra una delle fantastiche isole baleari!

Arcipelago del Mediterraneo Occidentale compreso nella Spagna, ognuna delle quattro Isole Baleari si distingue dalle altre per qualche caratteristica. Ibiza e Formentera sono le più famose e le più frequentate, mentre Maiorca e Minorca sono più appartate e tranquille.

Per decidere qual è la tua preferita non ti resta che visitarle tutte: puoi farlo in giornata usando i traghetti o spostandoti e dormendo in posti diversi.

Il clima delle Baleari: quando andare

Alle Baleari trovi un clima mediterraneo, con inverni miti ed estati calde e soleggiate. Questo le rende una meta turistica ideale, anche per via della scarsa frequenza di piogge:pensa che in queste isole ci sono circa 300 giorni di sole all’anno!

Ricorda però che nei mesi più caldi le temperature possono arrivare anche a 30°, anche se in estate soffiano le brezze, che così rendono più sopportabile il caldo.

La più grande delle Baleari: Maiorca

isole baleari spagna

Maiorca è forse l’isola tra le quattro a distinguersi per un’offerta turistica anche culturale. Oltre alle meravigliose spiagge caraibiche, Maiorca conserva importanti bellezze storico artistiche prima fra tutti  la Cattedrale gotica della capitale, Palma di Maillorca. Splendido esempio di gotico spagnolo, costruita sopra le fondamenta della grande moschea, nel corso degli anni ha subito diversi interventi, l’ultimo dei quali avvenuto nel 1904 ad opera di Gaudì, che introdusse il grande rosone. Ma La Seu non è l’unico tesoro di Palma: da non perdere il Palau de l’Almudaina, fortezza musulmana convertita in residenza reale, oltre al Castello de Bellver, che domina la città ed era l’antica residenza estiva della famiglia reale spagnola.

Oltre alla capitale, meritano una visita Deià, Pollença o Valldemossa, piccoli paesi caratteristici, molto amati dagli artisti. Valldemossa, in particolare, è famoso per le sue strade in salita dove si affacciano splendidi edifici in pietra. Un luogo dal fascino senza tempo dove hanno vissuto diversi artisti, da Fréderic Chopin a George Sand.

Di tutt’altro genere è invece il villaggio di Magaluf, a 16 km da Palma, diventato famoso per essere meta di divertimento sfrenato e “sopra le righe”, in cui giovani si scatenano nei diversi locali, bevendo fino all’alba.

Tra le isole Baleari, Maiorca si distingue dalle altre per la diversità dei suoi territori, con alte montagne alternate a vaste pianure, oltre a ben 550 km di costa. Ecco perchè questa destinazione è perfetta non solo per chi cerca una vacanza al mare, ma anche per chi vuole unire attività outdoor come trekking o escursioni in mountain bike.

Maiorca è un’oasi di bellezze naturali che lasciano incantati, molte delle quali sono protette (ben il 40%del territorio): da non perdere, la Riserva di Albufera, formata da lagune e canali naturali e artificiali e la Riserva di Mondragò, con spiagge, dune, depositi marini di tipo corallino e torrenti.

Le spiagge di Maiorca

L’isola di Maiorca ospita alcune tra le cale e gli arenili più affascinanti del Mar Mediterraneo: spiagge di sabbia finissima e bianca, si alternano a minuscole insenature tra pinete e scogliere a picco sul mare.

Una varietà di spiagge per tutti i gusti, da scegliere anche in base al proprio desiderio di tranquillità o più movida: sia la costa nord che sud, infatti, hanno spiagge affollate ma complete di tutti i servizi, come la baia di Pollença, Manacor e Palma, ma spostandosi da questi centri più turistici si possono trovare Port de Sóller, più tranquilla, oppure la selvaggia Cala d’Egos suggestiva insenatura delimitata da scogliere.

Playa Es Trenc, nel versante meridionale dell’isola, sembra essere la più bella di tutte, ma noi ti consigliamo di non perdere anche Calà Mondragò, insignita “Bandiera Blu” per le sue acque pulite e cristalline e inserita dentro un Parco Naturale. Se poi cerchi i caraibi, Playa Muro è un sogno ad occhi aperti: una lunga distesa di sabbia che degrada dolcemente in un mare spettacolare, di un azzurro incredibile.

Il nostro consiglio per godere al meglio di Maiorca, è di noleggiare un’auto per muoversi in libertà tra le diverse piagge e cittadine dell’isola.

Minorca, un paradiso di bellezza selvaggia

La più tranquilla, intima e selvaggia delle isole Baleari spagnole è sicuramente Minorca: una bellezza sorprendente, con le sue spiagge che non hanno nulla da invidiare ai Caraibi, piccole calette ancora vergini, ma anche parchi naturali e importanti siti archeologici.

Per preservare questo prezioso patrimonio naturale e culturale, Minorca ha puntato su un modello di turismo sostenibile che salvaguardia l’ambiente e valorizza le attività nella natura, piuttosto che l’offerta di movida notturna, come invece fa la vicina Formentera.

Minorca è quindi la destinazione che fa al tuo caso se cerchi pace e tranquillità e se ami dedicarti alle escursioni nella natura, al trekking, alle visite culturali, oltre ovviamente al relax al mare.

Partendo dalle attrazioni culturali dell’isola, merita una visita Ciutadella, antica capitale dell’isola di Minorca, con una storia millenaria. Il suo fascino ammaliante ti incanterà, grazie al suo caratteristico centro storico ricco di palazzi ottocenteschi e stradine medievali.

Dedica una giornata anche all’attuale capitale Maò, in cui spicca il Museo di Minorca (situato nel bellissimo convento attiguo alla Chiesa di Sant Francesco che conserva importanti reperti storici provenienti da circa 1.200 siti archeologici), la chiesa di Santa Maria risalente al XIV secolo e il porto, la cui particolare conformazione ne fa una vera e propria attrazione turistica, tanto da essere stato definito come il porto naturale più bello del mondo.

Le spiagge di Minorca

Tra le più belle spiagge di Minorca, sicuramente Cala Maquarella spicca per i suoi  colori vivissimi, dal verde brillante della vegetazione circostante all’azzurro abbagliante del mare. Si trova nella parte sudoccidentale di Minorca ed è piccola e selvaggia, con un fondale sabbioso e acque cristalline che ricordano quelle dei Caraibi.

Un’altra spiaggia imperdibile è quella di Son Bou, tre chilometri di arenile dorato, il più lungo di tutta l’isola. Dal fondale sabbioso e con una leggera pendenza, è ideale per famiglie con bambini che possono giocare tranquillamente a riva. Son Bou si fregia della Bandiera Blu che conferma il rispetto delle norme sulla qualità delle acque, sulla sicurezza, e sulla conservazione del contesto ambientale. Accanto alla spiaggia sorge l’Es Prat, una riserva naturale protetta con diverse specie di uccelli, insetti e anfibi.

Ibiza, non solo divertimento

Ibizia è nell’immaginario di tutti l’isola delle Baleari meta di divertimento sfrenato e di una eccitante movida notturna.

Tutto vero, ma l’isola non è solo questo, anzi: è anche un paradiso naturale con una riserva protetta e un parco, in cui vive una ricchissima biodiversità.

Es Vedra è un isolotto disabitato, oggi riserva naturale dal grande fascino. Situata ad ovest dell’isola, è un paradiso naturale di grande fascino, che attira artisti, pittori, scrittori e ovviamente fotografi da tutto il mondo. Pare essere un luogo dalla carica energetica potentissima, al pari di Stonehenge e l’isola di Pasqua. Di sicuro è un luogo di incredibile bellezza, in cui perdersi nella magia del tramonto.

Ibiza è una meta da vivere anche fuori stagione non solo per il suo patrimonio naturale da scoprire attraverso trekking ed escursioni, ma anche per l’antica storia che si respira: ad Ibiza si trovano resti archeologici di importanza mondiale, come il villaggio rurale punico-romano di Ses Païses de Cala d’Hort, il villaggio fenicio di Sa Caleta e la città fortificata Dalt Vila, entrambi dichiarati Patrimonio dell’Umanità.

La movida di Ibiza

Ibizia mantiene comunque ancora oggi la sua caratteristica di isola della movida: ricchissima è infatti l’offerta di locali, club esclusivi e divertimenti soprattutto notturni.

Le discoteche di Ibiza più famose sono l’Amnesia, il Pacha, lo Space e il Privilege, mentre tra i locali il must è il Cafè del Mar, in cui gustare ottimi cocktail a due passi dalla spiaggia.

Le migliori spiagge di Ibiza

Ibizia, come le altre isole Baleari, offre spiagge per tutti i gusti, da quelle più affollate a quelle più isolate, meno turistiche e conosciute, imperdibili per chi è alla ricerca di un po’ di pace e tranquillità. Tra queste, Pou des Lleó e Cala es Portixol,  la più solitaria e naturale di tutte le cale di Ibiza, con il suo mare cristallino dalle sfumature cerulee, i verdi pini marittimi che la abbracciano e la sua ghiaia dorata.

Più frequentate e famose invece la Playa de Ses Salines, una lingua piatta di sabbia dorata nel sud dell’isola all’interno del Parco Naturale e frequentata soprattutto da giovani; Cala d’Hort, una delle spiagge più in voga di Ibiza, perfetta per ammirare l’isolotto di Es Vedrà magari con in mano un aperitivo nel momento magico del tramonto e infine Posidonia Oceanica, riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Tra le spiagge più adatte alle famiglie troviamo Platja d’en Bossa o Es Figueral, perchè ampie e attrezzate di tutti i servizi.

Formentera, un piccolo gioiello delle Baleari

Come Minorca, anche a Formentera si respira un’atmosfera di pace e relax: raggiungibile solo in barca da Ibizia, forse proprio per questo la più piccola delle Baleari è un’isola tranquilla, dove poter sfuggire all’affollamento dei mesi estivi.

Oasi di silenzio e pace nel Mediterraneo, è perfetta anche per una vacanza fuori stagione per i suoi numerosi percorsi escursionistici, chiamati Rutas Verdes, che si estendono per oltre 130 km nella natura. Percorribili a piedi o in bicicletta, attraversano zone protette e paesaggi unici costellati da ulivi, muretti a secco, mulini, fari e torri difensive.

Le spiagge più belle di Formentera

Essendo la più piccola delle Baleari, Formentera è perfetta per essere esplorata in bicicletta o in scooter, con cui potersi muovere agevolmente tra le diverse spiagge e calette, anche se alcune di queste sono raggiungibili solo in barca.

Durante la tua vacanza a Formentera puoi decidere di spostarti più volte al giorno in una spiaggia diversa, tanto le distanze sono contenute.

Tutte accomunate da una straordinaria bellezza che incanta forse più dei Caraibi, le spiagge si affacciano su un mare limpidissimo che pare essere dovuto alla Prateria di Posidonia, una specie vegetale sottomarina dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, capace di depurare l’acqua.

Tra le spiagge più famose ci sono sicuramente quelle di Ses Illetes, raggiungibili solo a piedi o in bicicletta. Si trovano nella parte più settentrionale dell’isola e qui il mare è decisamente dai toni caraibici! In alcune parti sono caratterizzate da una striscia di sabbia di poche decine di metri con il mare su entrambi i lati.

Se sei amante delle immersioni devi assolutamente andare a Cala Saona dove, con un po’ di fortuna puoi avvistare anche le tartarughe; se invece ti piace fare surf, c’è la Platja Illetes, un altro tratto di costa incontaminato dal mare cristallino a pochi chilometri dal centro di La Savina, battuto costantemente dal vento. Il suo nome significa “spiaggia delle isolette” perché nella sua baia si trovano diverse piccole isole: un paesaggio davvero suggestivo!

Se cerchi invece un angolo di mare meno frequentato, allora vai alla ricerca di Es Cap de Barbaria nella zona più a sud dell’isola: per trovarla dovrai attraversare una zona di bosco, ma proprio per questo sarai sicuro di trovarla poco affollata.


Se ti è piaciuto il post, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *