Isole Scozia: dalle Isole Orcadi alle Shetland

Oltre alle Ebridi, gli altri due arcipelaghi maggiori della Scozia sono quello delle Orcadi e quello delle Shetland.

Localizzate al largo della costa settentrionale, sono circondate da acque cristalline che bagnano spiagge incontaminate di rara bellezza.

Anche qui infatti  i paesaggi costieri mozzafiato non mancano, a cui si aggiunge una natura selvaggia dove il verde e l’azzurro sono di un intensità mai vista. Le Orcadi e le Shetland nascondono anche siti archeologici antichissimi, villaggi, musei e riserve naturali che valgono il viaggio.

Per organizzare al meglio il tuo viaggio tra questi due arcipelaghi, noi ti consigliamo di spostarti prima tra le isole Orcadi e poi di dirigerti verso nord per scoprire il meglio delle Shetland.

Isole Orcardi: un paradiso tra natura e preistoria

isole scozia
Il paesaggio incredibile delle Isole Orcadi

Arcipelago composto da più di 70 isole separate dalla terraferma dal Pentland Firth, particolare fiordo che forma un collegamento fra l’Oceano Atlantico e il Mare del Nord, le isole Orcardi mescolano natura selvaggia ad antichissimi siti preistorici.

La natura delle Isole Orcardi

Prive di rilievi elevati, la natura delle Orcardi alterna dolci colline a distese pianeggianti, lunghe spiagge bianche caraibiche, ad alte scogliere a picco sul mare blu cobalto.

Un magnifico esempio si trova nell’isola di Hoy, seconda tra le isole Orcardi in termini di dimensioni: a Rackwick Bay ti travolgerà uno dei paesaggi costieri più spettacolari dell’intero arcipelago e passeggiando all’Old Man of Hoy, potrai ammirare un incredibile faraglione, il più alto dell’Inghilterra.

Lungo la costa, tra le insenature e le rocce a picco sul mare, puoi osservare tantissimi tipi di uccelli, prima fra tutti la Fratercula arctica, (in italiano Pulcinella di Mare, in inglese Puffin). Questi colorati uccelli bianchi e neri dal becco rosso come le zampe, vengono qui a nidificare, insieme anche a procellarie cinerine e altri uccelli rari.

isole scozia
La pulcinella di mare tipica della Scozia

Le Orcadi si collocano infatti su una delle traiettorie di volo più gremite dagli uccelli migratori. Ricorda:  la stagione migliore per vederli è giugno-luglio.

Le Orcardi sono un paradiso naturale non solo per gli uccelli, ma anche per foche, delfini e balene che popolano queste acque.

Tra i siti archeologici delle Orcadi: Skara Brae

Le Orcadi hanno diversi siti storici nella lista del Patrimonio UNESCO. La mitica Skara Brae è uno dei più importanti: si tratta di un villaggio neolitico abitato risalente ad oltre 5000 anni fa e molto ben conservato.

È possibile camminare fra le case del villaggio e ammirare le stanze lungo le cui pareti sono  ancora conservati gli arredi domestici come credenze, focolari, armadi a muro, letti e casse, tutto rigorosamente in pietra.

A rendere ancora più suggestivo il luogo, la bellissima spiaggia bianca a mezzaluna (Bay of Skaill) su cui si affaccia il villaggio,  con il mare che spumeggia e il vento che profuma di salsedine.

Oltre a Skara Brae, le Isole Orcadi sono un concentrato incredibile di storia, tra menhir, torri rotonde misteriose, cattedrali vichinghe.

Isole Orcadi come arrivare

isole scozia
Le scogliere delle isole Orcadi

Le Orcadi godono sono ben collegate dal trasporto pubblico con il resto del Regno Unito e possono essere raggiunte con l’areo o il traghetto, ma anche con l’autobus, l’auto o il treno.

Kirkwall, la città principale delle Orcadi, si può raggiungere in aereo con voli di durata di massimo un’ora dagli aeroporti di Glasgow, Edimburgo, Aberdeen, Inverness e Sumburgh.

Se vuoi raggiungere le Orcadi in traghetto, le compagnie offrono quattro tratte diverse e fino a 12 collegamenti al giorno, a seconda della stagione. I tempi di percorrenza vanno da soli 40 minuti da John O’Groats a Burwick, fino a sei ore da Aberdeen a Kirkwall.

Una volta arrivato, tra le varie isole dell’arcipelago delle Orcadi ti puoi spostare con i traghetti della Orkney Ferries Ltd.

Isole Shetland: dove la Scozia incontra la Norvegia

isole scozia
La città di Lerwick

Le Isole Shetland sono un remoto arcipelago che comprende più di 100 isole, 15 delle quali abitate. I pochi abitanti che vivono queste terre si sentono molto più norvegesi che scozzesi, tanto queste isole sono più vicine alla Pensiola Scandinava che alla terraferma scozzese.

Abitate da poco più di 24.000 abitanti fieri discendenti delle genti vichinghe, le Isole Shetland sono tutte caratterizzate da una costa frastagliata con fiordi spettacolari e rilievi aspri creati dall’erosione glaciale.

Una vacanza in queste isole offre un mix di natura, cultura e tradizione, un vero viaggio ‘alla fine del mondo’ che ripagherà l’impegno per arrivarci.

L’isola principale dell’arcipelago: Mainland

Mainland è la maggiore isola dell’arcipelago, che ospita la capitale Lerwick, vivace cittadina marittima da cui si possono raggiungere le varie isole.

Il paesaggio che questa isola offre è sublime come le minori, dove anche le abitazioni sono dei piccoli capolavori, come i caratteristici “lodberries”, case che sorgono sul mare ognuna con un pontile privato.

Quest’isola si può dividere tra North Mainland e South Mainland.

Il North Mainland è una terra selvaggia, ricco di contrasti estremi, tra le molte brughiere dell’interno e le scogliere sulla costa.

In questa parte di isola puoi ammirare una specie particolare di pony, oltre a moltissimi uccelli marini.

La parte sud del Mainland è una lunga e stretta penisola di terra che si protende nel mare per 40 km. Alla vista si aprono selvaggi paesaggi ondulati che si alternano a scogliere mozzafiato.

Tanti i sentieri da percorrere a piedi da cui puoi avere la fortuna di avvistare foche appisolare sugli scogli e pulcinelle di mare che popolano numerose questo litorale.

Tra le varie attività da fare nel South Mainland, merita una visita il Broch Mousa a Sandwick, un’imponente torre circolare alta 12 metri che risale a più di 2000 anni fa; oppure un’escursione a sud di Bigton ad ammirare la spettacolare costa con meravigliose scogliere che si alternano a spiagge bianche e campi coltivati.

Da non perdere nelle Shetland l’aurora boreale nelle notti più cristalline d’inverno.

Isole Shetland come arrivare

Anche se le Shetland sono nel punto più settentrionale delle isole britanniche, si possono raggiungere con diversi mezzi di trasporto.

In aereo ci sono voli diretti di meno di due ore tra l’aeroporto di Sumburgh (estremità sud dell’arcipelago) e le città scozzesi di Aberdeen, Edimburgo, Glasgow, Inverness e Kirkwall nelle Orcadi. Dall’aeroporto si può proseguire fino alla capitale Lerwick con l’autobus.

In traghetto, si può partire dal porto di Aberdeen  fino a  Lerwick con la compagnia Northlink, con un tempo di percorrenza di circa 12 ore.


Se ti è piaciuto il post, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *