Scozia in moto, dalle Ebridi alle Orcadi attraverso le Highlands

Partire per la Scozia in moto è un’idea sicuramente affascinante, ma al tempo stesso una grande sfida, un po’ per la distanza non indifferente, un po’ per il meteo del nord Europa che non agevola un viaggio di questo tipo.

A rendere tutto più emozionante, c’è l’idea di non prenotare dove dormire, per vivere le giornate con un itinerario ben definito ma mantenendo la libertà nelle scelta delle mete notturne.

 

Partenza da Torino ed attraversamento della Francia

La moto, preparata già da Monteforte d’Alpone, ha tutto l’occorrente: tenda, sacchi a pelo, tavolini e kit da campeggio, per essere pronti a tutto!

Moto pronta alla partenza

Siamo pronti a partire verso le 8 del mattino: puntiamo subito alla Francia.

E’ indispensabile passare dall’autostrada durante le tappe di avvicinamento, se si vuole percorrere un buon numero di chilometri durante il giorno; tuttavia, quando è possibile, preferiamo scegliere percorsi alternativi.

Infatti, partiti da Torino, scegliamo la statale del Moncenisio per attraversare le Alpi.

Dopo essere scesi dal versante Francese, non ci resta che l’autostrada, fino ad arrivare a Reims alle 20.00.

Nel Regno Unito attraverso la Manica

Ci svegliamo presto; anche oggi i km saranno tanti, ma soprattutto abbiamo appuntamento con il traghetto che ci farà attraversare la Manica.

Alle ore 12.00 siamo puntuali a Dunkerque, nella Francia settentrionale: direzione Dover, nel sud-est dell’Inghilterra.

Traghetto a Dunkerque

  • Traghetto Nortfolklines, Dunkerque – Dover: 28, 96 €

Usciti dal porto, inizia la prima esperienza di guida a sinistra! Nonostante i timori, con la moto è piuttosto semplice, a parte i sorpassi, che si effettuano a destra.

Continuiamo il nostro trasferimento verso nord, nelle ottime autostrade inglesi, fino a Chorley, nel Lancashire, alle 21.00.

Entriamo in Scozia

Addentrandoci nel territorio scozzese, il paesaggio cambia radicalmente: praterie verdi e dolci colline ci accompagnano fino a Glasgow, dove arriviamo verso le 15.30 sotto una leggera pioggia.

Ci dirigiamo verso l’ostello SYHA (Scottish Youth Hostels Association), parcheggiando la moto di fronte alla struttura.

Ostello SYHA

Scopriamo solo più tardi che avremo la camera da letto separata: maschi e femmine dormono in zone diverse.

Usciamo subito per visitare il centro di Glasgow, la città più grande della Scozia, nelle Lowlands. Irrinunciabile tappa al pub dove si segue il calcio bevendo birra.

Pub a Glasgow

Verso le Ebridi esterne

Alla sveglia, accolti da una bella pioggia, partiamo verso Oban dove prenderemo un traghetto verso le isole.
Lungo la strada, la pioggia aumenta sempre di più: ci fermiamo per ripararci in una locanda dove facciamo uno spuntino.
Arriviamo giusti in tempo per il traghetto a Oban, nella costa centro-occidentale della Scozia, alle 13.20.

  • Traghetto CalMac, Oban – Castlebay: 46, 15 £

Traghetto ad Oban

Sotto un cielo grigio, il mare è parecchio movimentato: caricata la moto, proviamo a rilassarci sul ponte. Appena dopo la partenza, il relax finisce: dato che il mare mosso ci fa capovolgere lo stomaco, seguiamo l’idea degli altri passeggeri e ci sdraiamo sui divanetti interni.

Thaghetto per Oban

Le onde fanno impennare il traghetto, che nella discesa punta dritto verso l’acqua!

Finalmente arriviamo all’Isola di Barra, sull’arcipelago delle Ebridi esterne.

Arrivo a Barra

Scesi sulla terraferma a Barra, smette fortunatamente di piovere.

Andiamo alla ricerca di un posto dove dormire, e subito ci fermiamo al b&b Grianamul di Castlebay.

b&b Grianamul, Castlebay

Usciamo subito per un giro in centro a Castelbay, un piccolo paese portuale che, pur non avendo molto da offrire, possiede un fascino particolare.

Castlebay

Dopo una discreta cena nell’unica locanda del porto, sotto uno spettacolare tramonto riusciamo a vedere un cavallo simile ad un unicorno bianco.

Tramonto su Castlebay e cavallo bianco

 

South Uist, North Uist, Lewis e Harris

Al risveglio scopriamo, purtroppo, che la colazione scozzese non è apprezzabile quanto i panorami locali.

Colazione a Castlebay

Ci spostiamo ad Ardmhor dove ci attende il traghetto delle 9.25 per l’isola di Eriskay, con arrivo alle 10.00.

  • Traghetto CalMac, Ardmhor (Barra) – Eriskay: 22, 20 £

Traghetto ad Ardmhor

Attraversiamo le isole di South Uist e Benbecula, arrivando poi a quella di North Uist.
Lungo il percorso incontriamo pecore, mucche, monti erbosi, qualche casa, ma soprattutto tanto vento!

In moto tra le isole

Sosta

Nell’isola di North Uist, a Bernaray, il traghetto che avremmo dovuto prendere per Harris Lewis alle 13.30 è cancellato per bassa marea: dobbiamo quindi rinunciare a questa meta e tornare a sud, nel villaggio di Tarbert.
Dopo un tè, un caffè, ed un po’ di attesa al porto, a Tarbert partiamo con un traghetto in direzione Uig, a nord, sull’isola di Skye.

  • Traghetto CalMac, Tarbert – Uig: 21 £

Dalla baia di Uig giriamo verso Nord, in direzione Flodigarry, rimanendo sull’isola di Skye.

Uig

Lungo la strada, seguiamo le indicazioni per un ostello con un bel panorama sulla baia.

Baia di Flodigarry

Le meraviglie dell’isola di Skye

Il giorno successivo esploriamo l’isola di Skye, finalmente con un bel sole.

Isola di Skye

Isola di Skye

Isola di Skye

Iniziamo visitando Dunvegan Castle ed i suoi giardini. Da quando è stato aperto al pubblico, negli anni ’30, vi hanno fatto visita diverse personalità illustri, tra le quali Walter Scott, Samuel Johnson, Elisabetta II ed Akihito.

Dunvegan Castle

Dunvegan Castle
Dunvegan Castle

Come tappa successiva, iniziamo a cercare il faro di Neist Point, ad estremo ovest dell’isola.

Sosta

Dopo una strada interminabile, arriviamo alle scogliere di Waterstein: sembra di essere ai confini del mondo, e il tempo non promette bene.

Scogliere di Waterstein
Non avendo trovato il faro, torniamo indietro, verso sud. Dopo una pioggia battente, passiamo nei pressi delle Cuillin Hills e vediamo ben due arcobaleni.

Cuillin Hills

Arriviamo per la notte nel Saucy Mary’s Lodge a Kyleakin.

Saucy Mary’s Lodge, Kyleakin

Da Skye a Gairloch, fino a Meilvag

Dopo colazione, dall’isola di Skye partiamo alla volta del villaggio di Melvaig.
Visitiamo Eilean Donan Castle sul Loch Duich, nelle Highlands occidentali. Castello più fotografato della Scozia, è immerso in un paesaggio che gli conferisce un’atmosfera magica, ed è stato il set di numerosi film, come Highlander, 007 e Loch Ness.

Eilean Donan Castle

fuori da Eilean Donan Castle

Ci fermiamo per un pranzo al sacco nel piccolo villaggio di Plockton, all’esterno del Duncraig Castle.

Duncraig Castle, Plockton
Proseguiamo poi con un assaggio delle Highlands scozzesi: in questi paesaggi unici  e scenografici si alternano diversi avvallamenti in cui si sono formati laghi, per l’azione dei torrenti di montagna e del ghiaccio.

Highlands scozzesi

panorama Highlands scozzesi

Proseguiamo per Gairloch: trovato il lago Loch Maree, ci spostiamo nella sua parte a sud per vedere le Victoria Falls.

Victoria Falls

Dalla cittadina di Gairloch, posizionata in un’insenatura dell’Oceano Atlantico, ci dirigiamo verso nord.

Proseguendo da Gairloch verso nord

Proseguendo da Gairloch verso nord
Dopo aver percorso una strada che sembra non finire mai, arriviamo al faro: bellissimo!

Rua Reidh Lighthouse

Rua Reidh Lighthouse

Ci fermiamo qui al Rua Reidh Lighthouse a Melvaig per la notte.

Thurso

Il giorno successivo si parte alla volta di Thurso, sulla costa settentrionale delle Highlands.

Sosta sulle Highlands scozzesi

Lungo la strada ammiriamo paesaggi molto belli, insenature spettacolari, e tutto ciò che resta dei croft, i piccoli poderi caratteristici.

Croft caratteristici

Arriviamo distrutti a Thurso, in un ostello dove ci fermeremo due notti.

Ostello a Thurso

Isole Orcadi

Dedichiamo il giorno successivo ad un’escursione in traghetto tra le Orkney Islands, raggruppate in un arcipelago nel nord della Scozia.

  • Traghetto Northlink Ferries, Scrabster – Stromness: 97,8 £

Traghetto a Scrabster

Traghetto per Stromness

Ci fermiamo presso la baia di Skaill, sulla costa occidentale dell’isola Mainland, la principale tra le Orcadi.

Qui visitiamo i resti del villaggio neolitico di Skara Brae.

Skara Brae

Giriamo tra gli scavi di Ness of Brodgar, i cui reperti sono considerati più antichi di quelli a Stonehenge.

Ness of Brodgar

Passiamo anche per Kirkwall, città principale nell’isola di Mainland.

Cattedrale di San Magnus a Kirkwall
Cattedrale di San Magnus a Kirkwall

Facciamo poi tappa a Lamb Holm, piccola isola disabitata in cui emerge una cappella costruita durante la seconda guerra mondiale da da alcuni prigionieri italiani.

Cappella Italiana sull'isoletta di Lamb Holm
Cappella Italiana sull’isoletta di Lamb Holm

 

Interno della Cappella Italiana
Interno della Cappella Italiana

In serata torniamo in traghetto a Thurso, dove trascorriamo la seconda notte presso il Sandra’s Backpackers Hostel.

Dunrobin Castle, Loch Ness, Glenfinnan e Fort William

Il giorno successivo, da Thurso ci spostiamo per visitare il castello di Dunrobin, nel Sutherland.

Dunrobin Castle, Sutherland
Dunrobin Castle

Dunrobin Castle

Dunrobin Castle

Dunrobin Castle

Giardini del Dunrobin Castle
Giardini del Dunrobin Castle

Proseguendo, passiamo da Loch Ness dove si trova l’omonimo lago, a sud ovest della città di Inverness.

Loch Ness

Loch Ness
Sulle rive di Loch Ness notiamo le rovine del castello di Urquhart, risalente al ‘500.

Rovine del castello di Urquhart

Visitiamo il monumento commemorativo di Glenfinnan, sulla strada tra Fort William e Mallaig.

Monumento commemorativo di Glenfinnan

In questa zona si trova anche il viadotto che compare sul film di Harry Potter: è quello percorso dal treno per Hogwarts.

Viadotto di Glenfinnan, nella parte settentrionale del Loch Shiel
Viadotto di Glenfinnan, nella parte settentrionale del Loch Shiel

Al ritorno da Fort William, troviamo lungo la strada un alloggio per la notte.

  • Guest House Fort William: 56 £

Guest House Fort William

Da Stirling ad Edimburgo

Il mattino seguente ci avviamo per raggiungere il castello di Stirling.

Castello di Stirling
Dopo la visita al castello, ci dirigiamo verso Edimburgo, dove alloggiamo presso un ostello in centro.

Cowgate Tourist Hostel

Per concludere la giornata, assistiamo allo spettacolo dell’Edinburgh Military Tattoo, la parata militare sulla spianata del castello.

    • Biglietti Military Tattoo: 69,90 €

Edinburgh Military Tattoo
Edinburgh Military Tattoo

Newcastle e rientro in Italia

Il giorno successivo raggiungiamo New Castle e prendiamo il traghetto per Amsterdam.

  • Traghetto DFDS Seaways, Newcastle – Amsterdam: 245 €

L’indomani, una volta sbarcati ad Amsterdam, ci spostiamo a Stoccarda, dove trascorriamo l’ultima notte prima del rientro in Italia.

Stoccarda


Se ti è piaciuto il post, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *