Tasse aeroportuali: cosa sono?

Se viaggi in aereo ti sarà capitato di restare perplesso di fronte al dettaglio di un biglietto aereo: le voci delle tasse aeroportuali incidono notevolmente sul costo finale e sono spesso incomprensibili. Infatti il Regolamento CE n. 1008/2008 prevede che “il prezzo finale del biglietto aereo deve essere sempre indicato e deve comprendere tutte le tariffe aeree passeggeri o merci applicabili, tutte le tasse, i diritti ed i supplementi inevitabili e prevedibili al momento della pubblicazione”.

Il biglietto aereo, la carta di imbarco e il check-in tramite app

Facciamo un passo indietro e partiamo proprio dall’inizio. Il biglietto aereo è il documento di viaggio che autorizza il passeggero a volare su una determinata tratta. Su ogni biglietto aereo troverai le seguenti informazioni: compagnia aerea, agenzia emittente (agenzia di viaggi etc.), luogo di emissione, nome passeggero, tratta, codice della prenotazione, durata del volo, classe di prenotazione e prezzo.

In aeroporto, al momento del check-in, ti sarà rilasciata la carta d’imbarco grazie alla quale potrai accedere all’aereo e sederti al posto assegnato. Sulla carta di imbarco oltre al posto, troverai anche il gate e l’orario di imbarco e l’orario di imbarco.

Sempre più compagnie aeree stanno snellendo le procedure di check-in: è spesso possibile farlo in autonomia tramite app senza dover stampare nessuna carta di imbarco.

Il costo del biglietto aereo è composto dalla tariffa del volo + le tasse aeroportuali.

Tariffa aerea _ boarding pass

Cosa sono le tasse aeroportuali

Le tasse aeroportuali indicano l’erogazione di uno specifico servizio e il loro ammontare dipende da molti fattori.  Pur essendo una voce fissa sul dettaglio dei costi del biglietto, le tasse aeroportuali variano a seconda della compagnia aerea, dell’aeroporto e della destinazione.

Le tasse aeroportuali si raggruppano in 3 diverse categorie:

  • Contributo per il passeggero – tassa legata all’aeroporto e riscossa dal gestore per coprirne i costi. Solitamente aeroporti più piccoli applicano tasse più basse: ecco spiegato perché le compagnie low cost li scelgono.
  • Sovrapprezzo del carburante e della sicurezza – tassa applicata dalla compagnia aerea per ovviare all’incremento del prezzo del carburante. A seguito degli avvenimenti dell’11 settembre, le procedure di sicurezza sono state ampliate e rafforzate.
  • Tassa di solidarietà – questa tassa è a sostegno dei paesi del terzo mondo. Varia da 1 a 40 euro, in base alla destinazione e alla classe prenotata.

Tariffa aerea _ imbarco

I codici delle tasse aeroportuali

I principali codici delle tasse aeroportuali:

  • IT – diritti di imbarco: costi che la compagnia aerea sostiene verso il gestore dei servizi aeroportuali, ad esempio per il pagamento degli operatori del check-in, e dell’imbarco bagagli e passeggeri. I costi variano a seconda dell’aeroporto e della lunghezza della tratta.
  • VT – corrispettivo che la compagnia aerea deve versare per i controlli di sicurezza sui passeggeri e sui bagagli a mano.
  • EX – corrispettivo per i controlli di sicurezza dei bagagli in stiva, sottoposti ai raggi x.
  • MJ – corrispettivo dovuto per l’assistenza ai passeggeri disabili o a mobilità ridotta.
  • FN – IVA sui diritti aeroportuali.
  • HB – addizionale di € 4,50 di competenza comunale, del Ministero del lavoro, della Salute e delle Politiche sociali e del Ministero dell’Interno.
  • YR – corrispettivo dovuto per la vendita del biglietto che varia a seconda del canale di acquisto (agenzia viaggi, sito internet, ecc).
  • XT – indica un insieme di più tasse che, per motivi di spazio, non possono essere tutte specificate nel biglietto.
  • YQ – codice unico per i costi della sicurezza, assicurazione e addizionale Fuel Surcharge (tutela per le compagnie aeree contro le fluttuazioni del prezzo del carburante).

Tariffa aerea Trasparente_ENAC

Rimborso tasse aeroportuali

Come abbiamo visto, le tasse aeroportuali incidono molto sul costo finale del biglietto aereo. Se devi rinunciare al viaggio, ma hai stipulato l’assicurazione di viaggio, penseranno a tutto loro.

Se non sei stato previdente e non hai stipulato nessuna assicurazione, sarai felice di sapere che puoi richiedere il rimborso delle tasse aeroportuali. La compagnia aerea ha l’obbligo di rimborsarti le tasse in caso di rinuncia del volo, indipendentemente dal motivo.

Tieni presente che le tasse più costose YQ e YR non sono rimborsabili dalla maggior parte delle compagnie aeree. Anche in caso di biglietto non rimborsabile, a fronte di richiesta ti saranno restituite le tasse HB, EX, VT, IT, FN.  Naturalmente la somma degli importi di questi importi sarà molto più bassa del biglietto acquistato, ma fare richiesta di rimborso non comporta costi aggiuntivi.

Non esiste un unico modo per richiedere il rimborso: varia a seconda della compagnia aerea. Cerca sul sito, contatta il loro Servizio Clienti e Assistenza, fatti spiegare la loro procedura.


Se ti è piaciuto il post, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *